Giro delle Fiandre, trionfa Van der Poel: che beffa per Pogacar

289

Giro delle Fiandre, trionfa Van der Poel: che beffa per Pogacar. La prima classica del Nord Europa ha riservato grandi emozioni e colpi di scena. Allo sprint si è imposto il passista oranje

Un Giro delle Fiandre davvero all’altezza delle aspettative, emozionante e ricco di colpi di scena fino al traguardo. La prima grande classica del Nord ha visto il trionfo, il secondo in tre anni, dell’olandese Mathieu Van der Poel. Un successo fortemente voluto da parte del formidabile passista oranje che in volata si è imposto sul connazionale Van Baarle e sul francesse Madouas. Solamente 4/o si è piazzato il vincitore dele ultime due edizioni del Tour de France, il 23enne talento sloveno Tadej Pogacar.

Van der Poel
Van der Poel (Ansa)

Nonostante la sconfitta nella volata finale, peraltro ampiamente prevedibile contro uno specialista come Van der Poel, Pogacar ha confermato ancora una volta tutto il proprio straordinario talento e la sua impressionante forza fisica. Sui tanti e faticosissimi ‘muri‘ della gara, lo sloveno ha letteralmente dominato la scena imponendosi con disarmante facilità sul resto della concorrenza. L’unico a resistere ai suoi attacchi micidiali è stato proprio Van der Poel, indicato da tutti come il grande favorito della corsa dopo il forfait di Van Aert a causa del Covid.

Giro delle Fiandre, è il giorno di Van der Poel. Ma Pogacar si conferma imbattibile in salita

Fiandre
Giro delle Fiandre (Ansa)

Con un pizzico di esperienza in più, accumulata in questa stagione, è netta la sensazione che Pogacar inizierà presto a vincere anche le classiche di un giorno. Chi ha definito il giovane sloveno il vero e unico erede del fuoriclasse belga Eddie Merckx, ha probabilmente azzeccato i pronostici. Tadej Pogacar possiede tutte le caratteristiche del campione che può imporsi con disinvoltura in salita, a cronometro e nelle volate ristrette. E’ solo questione di tempo e il ciclismo mondiale avrà il suo nuovo cannibale.

Oggi però un cacciatore di classiche come Mathieu Van der Poel ha dimostrato ancora una certa superiorità nel condurre lo sprint finale. L’esperienza e la conoscenza di un percorso molto particolare come quello del Giro delle Fiandre ha giocato a suo favore. Tadej Pogacar, apparso visibilmente contrariato al termine della corsa, avrà le sue occasioni per riscattare la sconfitta di oggi.