Pierluigi Pardo mette da parte il calcio: l’ultima decisione spiazza i tifosi

226

Pierluigi Pardo mette da parte il calcio. Il celebre e popolare giornalista sportivo, diventato papà, si gode un momento unico

E’ quasi certamente uno dei telecronisti sportivi più apprezzati e ben voluti dagli appassionati di calcio. Secondo una parte consistente della critica, è Pierluigi Pardo l’unico degno erede del grande Sandro Piccinini, che peraltro continua a raccontare grandi sfide di Champions League per conto della piattaforma streaming Amazon Prime.

Pardo
Pierluigi Pardo (LaPresse)

Pardo ha scalato posizioni su posizioni nel corso degli anni: dagli esordi in alcune emittenti radiofoniche della Capitale fino alla conduzione di programmi di intrattenimento sportivo che hanno fatto la storia recente della televisione, come ad esempio TikiTaka.

La sua è stata una crescita costante, graduale ma inarrestabile che l’ha portato a guadagnarsi i galloni di voce principale delle telecronache sportive.

Ai grandi successi nella vita professionale si sono aggiunti momenti memorabili anche nella sua vita privata: non più tardi di dieci giorni fa, Pierluigi Pardo è diventato papà di uno splendido bambino.

E anche il mondo delle telecronache può regalare piacevoli e inattese novità, perchè il calcio non è l’unica disciplina che vale la pena raccontare in diretta televisiva e non è l’unico evento in grado di coagulare l’interesse di milioni di spettatori.

Piierluigi Pardo, è sua la telecronaca del Palio di Siena

Siena
Palio di Siena (LaPresse)

Pierluigi Pardo è stato infatti scelto dai vertici di LA7 per raccontare, in due intense ore di diretta televisiva, il Palio di Siena che è tornato a svolgersi dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia da Covid-19.

La straordinaria kermesse di Piazza del Campo che da secoli scatena l’entusiasmo dei cittadini senesi e di milioni di seguaci è stata dunque narrata dal re dei telecronisti sportivi. Il quale, da professionista serio e umile qual è, ha spiegato come si è avvicinato a questo grande evento.

Mi ha chiamato il direttore della rete Andrea Salerno, chiedendomi se la cosa poteva interessarmi. Gli ho risposto subito sì. Ho visto diverse volte il Palio in tv, una volta anche in Piazza. Ho intenzione di entrare in punta di piedi, non parlerò con l’accento senese e non mi spaccerò per esperto di Palio e di cavalli. Spero però di riuscire a trasmettere l’orgoglio di una città“. Parole molto sagge.