Bagnaia carica la Ducati in vista di Silverstone: che annuncio

88

Dopo la vittoria in Olanda, la Ducati e Francesco Bagnaia tornano in pista a Silverstone per la prima gara dopo la pausa estiva

Il Motomondiale e la MotoGP entrano ufficialmente nella seconda parte della stagione.

Ducati
Bagnaia alla guida della Ducati (AnsaFoto)

Dopo la lunga pausa di un mese seguita al gran premio di Olanda di Assen vinta da Bagnaia e dalla Ducati, Quartararo resta al comando della classifica con 66 punti di vantaggio.

MotoGP, Quartararo leader

Un gap significativo, ma non impossibile da colmare. A patto di vedere da qui alla fine della stagione la miglior Ducati e il miglior Bagnaia. Ed è proprio il senso delle dichiarazioni di Bagnaia alla vigilia del lungo fine settimana di Silverstone che comincia domani con le conferenze stampa.

Ducati e Bagnaia in rimonta

Pecco Bagnaia dopo la vittoria di Assen (Foto ANSA)

Sono nove i gran premi ancora a disposizione prima che la stagione si concluda, il 6 novembre a Valencia. Ci sono ancora molte opportunità per Bagnaia che in questo momento è quarto nella classifica del mondiale alle spalle del leader Quartararo, ma anche di Espargaro e Zarco. Tre vittorie per Bagnaia, a Jerez, al Mugello e ad Assen  in compenso i ritiri sono stati quattro nelle undici gare archiviate fin qui. Ma la situazione potrebbe ancora cambiare. Il primo a crederci è proprio Bagnaia: “Lo scorso anno a Silverstone ero molto a mio agio, poi ho avuto qualche problema in gara. Ma sono estremamente fiducioso soprattutto dopo il risultato di Assen”.

Bagnaia nel corso della pausa si è anche tolto la soddisfazione di una bella vittoria nella Race Of Champions: “Scendiamo in pista nel momento migliore, mi sono allenato molto con la mia Panigale V4S e abbiamo ancora migliorato la moto. Ora la cosa importante è restare al vertice e non commettere altri errori. Possiamo ancora farcela, a cominciare subito da questo primo gran premio”.

Venerdì le prove libere, alle 10.55 e alle 15.10. Sabato prove libere (10.55 e 14.30) e qualifiche (15.35). Domenica semaforo verde alle 14.