Juventus-Milan, decisione definitiva per Ibrahimovic: tifosi senza parole

336

Juventus-Milan, decisione definitiva per Ibrahimovic: tifosi senza parole. Sarà il big match della quarta giornata di campionato, all’Allianz Stadium

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Foto: Getty)

Domenica sera alle 20.45 a Torino si disputa il big match della quarta giornata di Serie A tra Juventus e Milan. Allegri ha ritrovato il sorriso in Champions League, con un comodo 0-3 sul campo del Malmo. Dybala e Morata sono apparsi finalmente in condizione e puntano a far bene anche in campionato. Il ritardo dal ‘Diavolo‘ (e anche da Napoli e Roma) è già di 8 punti e non sono più ammessi passi falsi. Dal canto suo Stefano Pioli non si lascia abbindolare dalla sconfitta di Liverpool. Un 3-2 che in realtà poteva essere molto più largo e che ha palesato ancora la differenza che c’è tra noi e i migliori club inglesi. I rossoneri puntano dritti allo scudetto e sono consapevoli della propria forza. A questo sta contribuendo ovviamente anche Zlatan Ibrahimovic, il numero uno anche in fatto di ego. Lo svedese, appena tornato in campo contro la Lazio, ha messo a segno la rete del 2-0 definitivo, chiudendo la contesa. Il problema è che alla sua età deve fare i conti con alcuni guai fisici e va gestito.

LEGGI ANCHE >>> Mondiale ogni due anni, la FIFA insiste citando i tifosi

LEGGI ANCHE >>> Milan, Ibrahimovic è convinto: pronta una richiesta per Pioli

Juventus-Milan, decisione definitiva per Ibrahimovic: all’Allianz Stadium non ci sarà

Ibrahimovic Milan
Ibrahimovic esulta dopo il gol in Milan-Lazio (Foto: Getty)

Proprio a due giorni dalla sfida con i bianconeri, Ibrahimovic ha parlato delle sue condizioni e degli acciacchi al ginocchio che non lo lasciano in pace. Con ogni probabilità non lo vedremo all’Allianz Stadium.

Vedremo giorno per giorno, ho un problema al tendine e non voglio rischiare conseguenze gravi per giocare una partita” ha ammesso lo svedese.

Voglio pensare che non sono Superman, anche se il mio problema è che lavoro troppo e mi piace soffrire. Non voglio rischiare conseguenze a lungo termine, voglio essere in forma per tutta la stagione e non rischio di saltare tante sfide per giocarne una come ho fatto l’anno scorso. Stavolta ascolterò il mio fisico“. Insomma niente recuperi affrettati questa volta. Poi ha voluto dire la sua anche sulla sconfitta di Anfield, dove lui era assente.

Per molti era la prima volta in questa competizione, ma ora hanno capito di cosa si tratta e di cosa serve per giocarci. Hanno capito tutto, ora sanno cosa vuol dire sfidare i migliori d’Europa e del mondo, che ritmo c’è, la qualità. Io aspetto di giocare in Champions a San Siro con il pubblico, quella sarà vera adrenalina“.