Vlahovic, c’è l’annuncio che non ti aspetti: le big spiazzate

566

Vlahovic, c’è l’annuncio che non ti aspetti: le big spiazzate. Dichiarazioni sorprendenti del ventunenne centravanti serbo della Fiorentina

Vlahovic
Dusan Vlahovic (Ansa Foto)

E’ stato un 2021 a dir poco straordinario, quello di Dusan Vlahovic. Il quasi ventiduenne centravanti serbo della Fiorentina, in tutto l’anno solare appena trascorso, ha realizzato la bellezza di 33 gol, riuscendo ad eguagliare il suo idolo e beniamino Cristiano Ronaldo. Sono numeri importanti, di tutto rispetto ma che non accontentano più di tanto il giovane bomber slavo, animato dal desiderio irrefernabile di crescere e migliorarsi. In una lunga intervista rilasciata al quotidiano serbo Politika, Vlahovic ha tracciato un bilancio dell’annata appena trascorsa lanciando già uno sguardo sull’immediato futuro.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus: Vlahovic addio, spunta un altro bomber

LEGGI ANCHE>>>Vlahovic, c’è la svolta definitiva: il presidente Commisso ha deciso

Non è un mistero che il giovane bomber viola, considerato in riva all’Arno l’unico vero erede di Gabriel Batistuta, sia l’oggetto del desiderio di parecchie squadre di primissima fascia sia italiane che straniere. Su tutte la Juventus che al netto dei limiti imposti da un bilancio non proprio florido, è disposta a fare follie pur di strappare Vlahovic alla Fiorentina. Ma il presidente viola, l’imprenditore italo-americano Rocco Commisso, non è intenzionato a fare sconti per il cartellino del suo gioiello più prezioso, tanto meno alla Vecchia Signora. Anzi, il sogno del patron viola è convincere l’ataccante serbo e il suo entourage ad apporre la firma sul rinnovo di contratto, attualmente in scadenza a giugno 2023.

LEGGI ANCHE>>>Fiorentina, Rocco Commisso è una furia: le sue parole su Vlahovic

Commisso
Rocco Commisso (Ansa Foto)

Vlahovic, la clamorosa apertura alla Fiorentina sul rinnovo: “Mai dire mai”. Big spiazzate

E per la prima volta dopo la rottura delle trattative per il rinnovo, Dusan Vlahovic apre a sorpresa alla possibilità di restare nel capoluogo toscano: “La Fiorentina non è un piccolo club, ma una grande squadra in Italia con una tradizione importante. Abbiamo una buona squadra, grandi calciatori, un grande sostegno da parte dei tifosi. Tutto merita rispetto. Solo Dio sa cosa accadrà nel prossimo periodo. Il mio desiderio è quello di portare la Fiorentina in Europa. Il rinnovo? Mai dire mai, potremmo anche trovare un accordo”.

Dichiarazioni destinate a far discutere e che gelano le speranze di tutte quelle società che hanno (o avevano) messo il bomber serbo in cima alla lista degli acquisti per il prossimo mercato estivo.