“Ho avuto coraggio”, Jannik Sinner svela tutto: decisione clamorosa!

337

“Ho avuto coraggio”, Jannik Sinner svela tutto: la verità fa rumore. Il giovane tennista altoatesino illustra le ragioni che lo hanno spinto a compiere una scelta fondamentale per il futuro

Jannik Sinner svela tutto, o quasi. Il 20enne tenista altoatesino, impegnato in questi giorni nel prestigioso e tradizionale torneo di Montecarlo, in una lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, rivela alcuni retroscena del suo recente passato e soprattutto le ragioni che lo hanno indotto a chiudere il suo rapporto quasi decennale con il coach, Riccardo Piatti. Non solo tennis però: Sinner ha infatti parlato del suo tempo libero e in particolare del rapporto, piuttosto conflittuale, con i social.

Sinner
Jannik Sinner (Ansa)

Ha fatto discutere a lungo, soprattutto tra tifosi e addetti ai lavori, la decisione presa da Sinner di interrompere di punto in bianco la collaborazione con il suo pigmalione, il tecnico che lo ha scoperto e lanciato sul palcoscenico del tennis mondiale, Riccardo Piatti. La spiegazione del talento di San Candido alle pagine di Gazzetta smonta le ipotesi circolate in proposito, anche le più fantasiose: “Nessuna verità scabrosa, nessuna sveglia al mattino con la voglia improvvisa di cambiare tutto. Semplicemente, era venuto il momento di prendere una decisione per provare a diventare un giocatore ancora migliore. È stata una scelta unicamente personale – ribadisce Sinner -, senza influenze esterne, come tutte quelle che ho assunto nella mia vita”.

Jannik Sinner chiarisce: “Credo di aver compiuto un passo avanti”

Sinner
Jannik Sinner (Ansa)

Dunque, alla base della rottura con Riccardo Piatti non c’erano ventilati contrasti diventati insanabili con il passare dei giorni: “C’era l’esigenza di fare un passo avanti. Quando sei un giocatore professionista, devi tenere conto di tutti gli aspetti. Tecnico, fisico e mentale: conta l’insieme. Io non dimentico i sette anni con Riccardo – sottolinea Jannik Sinner -, dove mi hanno portato. Ma avevo bisogno di uno scatto. E sono convinto che non tutti avrebbero avuto il coraggio di prendere una decisione come la mia“.

La speranza è che un cambiamento così drastico permetta a Sinner di salire l’ultimo gradino che gli resta per diventare uno dei primi 5/6 giocatori del Ranking ATP. L’obiettivo è alla sua portata, ma gli avversari sono tanti e tutti molto qualificati.