“Non paga gli alimenti”, che figuraccia: guai in vista per un ex campione dell’Inter

260

“Non paga gli alimenti”, che figuraccia: guai in vista per un ex campione dell’Inter. La denuncia di una donna mette in crisi uno dei protaognisti del triplete nerazzurro del 2010

E’ stato uno dei maggiori protagonisti dell’Inter più forte di tutti i tempi, o comunque inferiore soltanto a quella degli anni 60′ allenata dal ‘Mago’, Helenio Herrera. Parliamo dello squadrone che sotto la guida di Josè Mourinho fu capace, nella memorabile stagione 2009-2010, di conquistare il leggendario triplete (scudetto, Coppa Italia e Champions League).

Un gruppo di giocatori che a distanza di oltre dieci anni si sente ancora unito e vincolato da quell’esperienza in comune unica e molto probabilmengte irripetibile. Tra i più importanti protagonisti di quell’epica impresa c’è un attaccante, un grande bomber che anteponendo gli interessi della squadra ai suoi si sacrificò a giocare da terzino, conquistando la sempiterna stima di compagni, tifosi e allenatore.

Inter
Inter triplete (LaPresse)

Stiamo parlando di Samuel Eto’o, che a Milano approdò nell’estate del 2009 nell’ambito della trattativa che avrebbe portato Zlatan Ibrahimovic al Barcellona. L’attaccante camerunense fu uno dei segreti di quella squadra straordinaria, ma lo stimabilissimo professionista che tutti hanno imparato ad apprezzare, nella vita privata sembra esserlo decisamente meno.

Samuel Eto’o è infatti finito sotto accusa a causa del mancato pagamento dell’assegno mensile dovuto per il mantenimento della figlia Erika. Nonostante un tribunale abbia riconosciuto, quattro anni fa, l’ex attaccante di Barcellona e Inter come padre della giovane, lo stesso Eto’o non avrebbe mai pagato la cifra di 1.400 euro al mese che lo stesso tribunale gli ha imposto per gli alimenti della figlia.

Eto’o, che figuraccia: deve pagare gli alimenti alla figlia

Eto'o
Samuel Eto’o (LaPresse)

L’ex calciatore camerunese sarebbe inadempiente, a oggi, per 40 mila euro. La madre di Erika, Adileusa ‘Dee Dee’ do Rosario, ha raccontato la sua triste vicenda al giornale spagnolo La Vanguardia spiegando che l’ex centravanti dell’Inter, nel corso degli anni, “non ha mai dato niente alla ragazza, neanche un lecca lecca dal giorno in cui è nata. Assolutamente nulla, nonostante la sentenza giudiziaria. Erika è cresciuta senza il padre ed è molto dispiaciuta perché non le ha nemmeno dato l’opportunità di incontrarlo“.

La donna ha svelato un altro particolare, decisamente inquietante: Eto’o non si è interessato a sua figlia neanche quando, a tre anni e mezzo, si è dovuta operare per l’asportazione di un rene e nonostante per i medici fosse importante parlare con lui per capire se ci fosse una familiarità con alcune patologie.